Se non sai truccarti usa un’app!

makeup-app-600x450

La nuova moda su Instagram in Italia, non così nuova nel resto del mondo, è quella di modificare completamente il volto e non solo.

Ci sono numerosi profili in cui vengono smascherati gli eccessi di vanità dei vip e degli influencer “famosi” sui social, come il profilo @siete.finti che non esita a pubblicare tutti gli errori commessi con photoshop da personaggi in vista, senza timore di essere bloccati, perché i social sono un gioco, no?Schermata 2016-08-13 alle 19.47.18

Per alcuni non è così, c’è chi compie delle vere e proprie scalate social, a suon di shoutout for shoutout, follow for follow, like for like, commenta una e io commento tre e giveaway, così tanto che le foto sono l’ultima delle priorità. Penserete che è un paradosso, in realtà è proprio così! Ci sono profili fantastici degni di nota, ma ce ne sono tanti (tantissimi ahimè) con foto davvero scadenti e sorprendentemente migliaia e migliaia di followers.

Ma basta perdersi in chiacchiere e arriviamo alla magia del makeup digitale!

Quante di voi desiderano un eyeliner affilato come un coltello, delle sopracciglia degne di Cara Delevigne e un rossetto vampy applicato alla perfezione? Sono sicura che la maggior parte di voi conoscerà app come You Cam Makeup, Perfect 365, Makeup Plus e per le utilizzatrici di IOS abbiamo la strabiliante Facetune. Sono app magnifiche, in grado di rendere un selfie “appena sveglia” un selfie alla Notte degli Oscar. La mania per queste app è spopolata, e non c’è stato scampo dagli eccessi.

Pelle levigata? Certo, sino ad eliminare fino il più naturale segno d’espressione, o peggio il naso! Occhi grandi e brillanti? Peggio di un alieno! Eyeliner e ciglia che sfidano ogni legge della fisica e rossetti definiti su foto pixelate.

Siamo d’accordo sul fatto che ognuno fa ciò che vuole, ma la polemica scatta quando il profilo di @kikomilano riposta la foto di una ragazza appassionata di fitness, che è solita postare foto senza trucco e ovviamente in palestra o in atteggiamenti sportivi, in cui possiamo ammirare la sua bellezza naturale, ma di tanto in tanto posta foto palesemente modificate con trucco digitale citando grandi marchi.

Schermata 2016-08-13 alle 19.48.20 Schermata 2016-08-13 alle 19.49.12

Nella caption di una delle sue ultime foto con un makeup (digitale) decisamente appariscente, eyeliner spesso, ciglia a farfalla, pelle d’angelo e rossetto scuro dice. “Yesterday’s night makeup! with @kikomilano #plumlipstick by Sephora and rest… @maccosmetics”

Schermata 2016-08-13 alle 19.48.36

Il profilo di Kiko Milano non ha esitato a ripostare la foto commentando: “@isabelladelc WOWS us all with her gorgeous #kikomilano #look! […]”

Schermata 2016-08-13 alle 19.47.50

I commenti si sono fatti sentire, ma Kiko li ha ignorati tutti.

Che ormai sia inutile vendere makeup? Siano inutili le makeup artist? Ora le donne per sentirsi belle hanno bisogno di un’app e non  più del profumo di un rossetto, la soddisfazione di un mascara appena aperto?

Non scherziamo, queste app sono divertenti, sono anche d’aiuto per risaltare dettagli che la camera non ha catturato, ma trovo scandaloso che un marchio si faccia pubblicità postando sul proprio profilo foto di makeup digitali, senza dare la possibilità a chi davvero si impegna nella realizzazione di qualcosa che sia  più vicino possibile alla perfezione.

In sostanza, se sei sul tuo divano, senza fare nulla e vuoi farti un selfie, ma non hai voglia di truccarti, usa un’app per far comparire sul tuo volto un bellissimo makeup e sei subito una makeupartist!

E voi utilizzate queste app? Ditecelo nei commenti!

 

XoXo

Francesca

2 Comment

  1. ahahahah aiuto, non credevo che un marchio famoso come Kiko postasse foto modificate, quindi il vero colore del tal prodotto è un colore alla ca**o anzichè il reale colore…top direi 😀

  2. Bene… vado ad affilarmi il nasino 😀
    Anch’io sono dell’opinione che ognuno possa fare quello che vuole, entro certi limiti (anche quelli del naturale); l’errore di Kiko rimane formidabile!
    XD

Lascia un commento